Santa Margherita: ladri di moto, sgominata banda

il
 

Quattro ucraini di 19, 27, 28 e 38 anni sono stati arrestati ieri sera nell’ambito del blitz effettuato dai carabinieri della Compagnia di Santa Margherita Ligure insieme a quelli della Compagnia di Volterra. Il fermo a seguito di un furto avvenuto a maggio a Genova di alcuni motoveicoli di grossa cilindrata. Quella stessa notte una pattuglia del nucleo radiomobile aveva intercettato a Rapallo un furgone sospetto con targa straniera che per eludere il controllo, aveva accelerato improvvisamente scatenando un inseguimento conclusosi sulle alture di Zoagli, dove il mezzo si era schiantato contro un palo. Mentre i malviventi erano riusciti a far perdere le proprie tracce nella fitta vegetazione, all’interno del furgone erano state trovate due moto rubate poco prima, marca MV Augusta modello Brutale. Continuando le indagini i militari sammargheritesi sono arrivati fino nei pressi di Volterra: qui, coordinandosi con i carabinieri di Guardistallo e della locale Compagnia, hanno individuato l’abitazione dei malviventi e rintracciato due furgoni e un autoveicolo utilizzati per i reati. Ieri sera è scattato l’intervento dei militari, che, non senza difficoltà (un militare è rimasto contuso ad un arto) hanno comunque bloccato i quattro. Dalle perquisizioni sono poi stati rinvenuti quattro motoveicoli di grossa cilindrata, parti di motociclo e pezzi di ricambio, attrezzature da meccanico, centraline e oggetti vari asportati nelle province del Levante ligure che sono stati sottoposti a sequestro insieme ai mezzi utilizzati per commettere i furti. Il valore della refurtiva rinvenuto ammonterebbe a circa 50mila euro e sono ancora in corso accertamenti sia volti a risalire alla provenienza di tutto il materiale rinvenuto, che era destinato alla vendita sul mercato estero, sia ad accertare il coinvolgimento degli stessi soggetti in analoghi furti verificatisi nei mesi scorsi in provincia di Genova e La Spezia.. I quattro, già noti alle forze dell’ordine, sono stati condotti nella Casa Circondariale di Livorno.