Rapallo: le cabine dei bagni coprono il mare, proteste

il
 

Potrebbe essere l’ultima estate per l’attuale sistemazione della cabine e delle attrezzature balneari di Rapallo. La Regione Liguria ha imposto a Comune e gestori una riqualificazione del litorale comunale «che comprenda il ripristino della visibilità del mare da tempo impedito da una fila interminabile di cabine». A rivelarlo il Comitato Spiagge libere e Mare pulito che da un anno denuncia come la sistemazione attuale delle cabine e delle strutture non sia a norma. E carte alla mano sembra proprio che abbia ragione: «Nel 2010 – spiegano – l’autorizzazione paesaggistica rilasciata dalla Regione Liguria evidenzia come 12 stabilimenti debbano impegnarsi alla rimozione delle strutture che così come installate violano le disposizioni in quanto erette su un litorale assoggettato a vincolo paesaggistico – ambientale specifico. Tale disposizione non è mai stata rispettata, anzi, il Comune ha chiesto e ottenuto finora delle proroghe, l’ultima scade il 31 ottobre prossimo. Speriamo davvero sia l’ultima». Si parla in tutto di 1081 cabine, 15 pontili, 11 manufatti a uso ristoro, 8 dehors che così come sono posizionati non vanno bene e occorre riqualificarli e ricollocarli in una maniera più adeguata. Il Comitato promette di vigilare e intanto ha organizzato una raccolta firme per sabato 19 luglio in piazza Cavour a Rapallo.